COMUNICATO STAMPA SUL CASO MOSE

Standard

A nome del circolo PD di Concordia Sagittaria, comunico che le gravi notizie di cui siamo stati informati nella giornata di mercoledi 04 giugno 2014 e che riguardano politici ed amministratori in modo trasversale ci offendono, ci indignano e ci deludono.
Prendiamo le distanze da questo ennesimo caso di corruzione e malaffare che emerge da parte di chi vive nell’avidità, di chi per anni costruisce e da’ energia al meccanismo ben collaudato della doppia appropriazione indebita di denaro pubblico, quella di un sistema di gestione disonesto e illecito, e quello della occupazione di posti in cariche politiche ed amministrative che vengono retribuite dai cittadini italiani, ci stupiamo, inoltre di veder perpetrare con ostinazione candidature politiche e amministrative anche in deroga ad ogni regolamento.

Ma la desolazione, nel nostro caso, viene con forza scansata da una forte voce che grida la nostra totale lontananza da queste persone, le stesse persone che hanno voluto il nostro allontanamento ed isolamento perché portatori di una scomoda onestà, sono loro a NON far parte della nostra Politica e del nostro Partito.

I partiti sono diventati il capro espiatorio, come dire che è normale che fare politica porti a questi risultati. No, è nell’anima di alcuni, forse tanti, spesso gli stessi, che la becera disonestà emerge nella sua più potente e spregevole forma.
Siamo offesi perché viene mortificato ancora una volta il lavoro di tante persone che si dedicano con integrità e trasparenza, tra mille difficoltà, al servizio delle proprie comunità. Siamo ancora una volta disarmati difronte a tanta avidità e falsità, dispiaciuti per coloro che con difficoltà hanno dato da poco fiducia al nostro partito, ma a questi ultimi chiediamo di continuare a contribuire in modo personale a partecipare, a denunciare, a vivere la vita pubblica in modo attivo, ora più di prima! Possiamo solo continuare a lottare con forza contro questi sistemi gestionali e contro le persone che li alimentano.

Il Circolo PD di Concordia continuerà la propria attività fondata su principi di etica, morale, dignità, legalità e forte senso civico, al fine di mantenere vivo il principio di rinnovamento che attraverso il coinvolgimento di nuove risorse limita il crearsi di legami collusivi.
Concludiamo chiedendo a coloro che sono coinvolti in questo orribile meccanismo di immoralità di scoprire il senso della dignità abbandonando immediatamente e definitivamente le cariche pubbliche ricoperte in quanto non più legittimati a rappresentare alcuno di noi.

Confidiamo su un lavoro minuzioso e inflessibile da parte della magistratura affinché assicuri l’affermazione della verità.

Concordia Sagittaria, 05 maggio 2014 

DALL’1 AL 4 MAGGIO FESTA DEMOCRATICA A CONCORDIA SAGITTARIA !

Standard

 Anche quest’anno, come da tradizione da cinque anni, dal 1 al 4 MAGGIO 2014 si terrà l’annuale FESTA DEMOCRATICA di CONCORDIA SAGITTARIA, in zona ARENA, in VIA MUSIL. Ecco a voi il programma dettagliato:

Immagine

Dalle 10.00 Torneo di pallavolo APERTO A TUTTI DAI 16 AI 30 ANNI, con premiazione e Coppa Chiosco.
Dalle 18.30 – Aperitivo con DJ Set 
Dalle 21.30 – PLEASE CHOOSE ANOTHER // We Love Beat 
Questo anno l’evento è in collaborazione con KISUMU SLUMSOCCER, una squadra amatoriale di calcio in Kenya. Siete tutti invitati a partecipare alla raccolta di materiale sportivo usato portando il vostro materiale, di ogni tipo, direttamente al luogo della festa.

 

  • VENERDì 2 MAGGIO 2014: SERATA POLITICA

In vista delle prossime elezioni amministrative ed europee, il circolo PD ci Concordia Sagittaria organizza una serata di confronto e discussione sui grandi temi del nostro paese e sulle sfide future di Concordia e dell’Europa. Alla serata parteciperanno amministratori locali, consiglieri regionali e deputati nazionali.

 

  • SABATO 3 MAGGIO 2014: POMERIGGIO POLITICO E SERATA MUSICALE

Dalle 16.30 Presentazione del libro “IL PANE NELLA SPORTA” di Imelde Rosa Pellegrini, con la presenza dell’autrice.

Dalle 18.00 Incontro sulla SANITA’ LOCALE con la presenza di amministratori locali e dirigenti locali.

Dalle 20.00 Intrattenimento musicale con MUSICA JAZZ LIVE

Dalle 21.00 DJ SET WITH MOLENTZ + THEFOXCRIME

 

  • DOMENICA 4 MAGGIO 2014: POMERIGGIO POLITICO E SERATA MUSICALE

Dalle 16.30 Presentazione del libro di MARA TREVISAN sulla storia di CONCORDIA SAGITTARIA presentato da LORENZA MORO.

Dalle 18.00 Incontro sull’UNIONE DEI SERVIZI COMUNALI con la presenza di amministratori locali.

Dalle 20.30 BALLO LISCIO con il maestro GIORGIO LORENZON.

 

Ovviamente,  BAR E STAND ENOGASTRONOMICO SEMPRE APERTO!!!

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!!!

Seguiteci per ulteriori aggiornamenti!

I MERCOLEDì DELLA MEMORIA

Standard

In occasione della Giornata della Memoria, il circolo PD di Concordia Sagittaria organizza “I MERCOLEDì DELLA MEMORIA”, un ciclo di due incontri sul tema della Deportazione degli ebrei nei campi di concentramento durante la Seconda Guerra Mondiale.

"I mercoledì della Memoria"

  • MERCOLEDì 29 GENNAIO 2014 ORE 20.45 (PRESSO SEDE PD IN VIA CANDIANI, sopra “Sacco & Vanzetti”)

La compagnia teatrale ORTOTEATRO presenta un RECITAL LETTERARIO con testimonianze di portati ad Auschwitz accompagnato da musica dal vivo.

  • MERCOLEDì 5 FEBBRAIO ORE 20.45 2014 (PRESSO SEDE PD IN VIA ROMOLO CANDIANI, sopra “Sacco & Vanzetti”)

Presentazione del libro “IL CIELO DI CENERE” (ed. Nuova Dimensione) con gli autori IMELDE ROSA PELLEGRINI e UGO PERISSINOTTO. Il testo descrive le vicende di ELVIA BERGAMASCO,  giovane staffetta partigiana della provincia di Udine deportata ad Auschwitz nel 1942.

PARTECIPIAMO PER NON DIMENTICARE

PRIMARIE CONCORDIA 2013: IL PROGRAMMA DI MARGHERITA CUSIN

Standard

Image

Margherita Cusin,

35 anni, abita in via Manin.

Laureata in giurisprudenza, esercita la professione di avvocato. E’ inoltre responsabile del CODACONS per la provincia di Pordenone.

E’ stata coordinatrice del circolo PD di Concordia Sagittaria e CapoGruppo di Maggioranza in consiglio comunale nell’ultima amministrazione Geromin.

1.Sulla questione idraulica e di tutela del territorio

Ad oggi è stata stanziata una prima parte del finanziamento, pari a 1,5 milioni di euro, relativo al

progetto elaborato dal Consorzio Bonifica risalente al 1988.

L’obiettivo futuro è quello di ottenere la seconda parte del finanziamento mediante la

compartecipazione anche della Regione Veneto e di poterlo attuare nei limiti di quanto previsto dal

patto di stabilità.

Per quanto riguarda il piano delle acque ci proponiamo di sfruttare lo strumento fornito dal

PAT, recentemente approvato e reso esecutivo, unitamente al piano particolareggiato del centro

storico in modo da migliorare la situazione attuale e fronteggiare adeguatamente il problema degli

allagamenti. Stiamo anche valutando l’opportunità di creare altri tre bacini di laminazione i quali,

con un costo limitato e in tempi brevi, saranno in grado di apportare un immediato miglioramento

della situazione e che andranno collocati nelle zone adiacenti alle località: Paludetto, via Basse e via Falconera.

Sempre nell’ottica di prevenire gli allagamenti ci poniamo l’obiettivo a breve di approvare il

regolamento di polizia rurale, promuoverlo e attuarlo in modo da responsabilizzare i singoli

cittadini a mantenere puliti i fossi e agibili i terreni agricoli al fine di garantire lo scolo delle acque

piovane.

2.Sulle manutenzioni

Ci ripromettiamo di manutentare gli edifici pubblici, creare una vera e propria programmazione

in modo da tenere monitorata la situazione sia dal punto di vista estetico-architettonico che della tutela della sicurezza.

Attenzione va posta anche per quanto riguarda l’asfaltatura delle strade, la segnaletica stradale

nonché la cura del verde pubblico in particolare nel periodo estivo.

3.Sul risparmio energetico ed energie alternative

L’attuale contraddizione in cui siamo costretti a lavorare è che per i progetti relativi allo

sviluppo delle energie alternative avremmo da subito la disponibilità finanziaria ma siamo bloccati

a causa delle imposizioni che comporta il patto di stabilità.

Per quanto riguarda l’obiettivo del risparmio energetico ci proponiamo di continuare nell’opera

già svolta dalla attuale maggioranza e consistente nella sostituzione del sistema di illuminazione

tradizionale con lampadine al led le quali hanno una migliore resa e sono più economiche.

Obiettivo fondamentale per il prossimo quinquennio sarà l’attuazione del PAES, piano azione

energie sostenibili, per il quale è già stato affidato l’incarico a uno studio di professionisti di

effettuare una analisi al fine di produrre energia elettrica da fonti alternative.

4.Sul patrimonio

La situazione è monitorata per quanto riguarda le terre comunali che sono state date in affitto con

rinnovo delle condizioni contrattuali.

Vanno manutentati e soprattutto pubblicizzati i percorsi naturalistici del Bosco delle Lame e di

quello in località Viola.

Importanti progetti riguardano le ex caserme per le quali si conferma l’idea di un riutilizzo mediante

la creazione di un centro polifunzionale di raccolta dei vigili del fuoco, della croce rossa, della

guardia forestale e della protezione civile.

Altro progetto ambizioso su cui vogliamo lavorare è quello di creare una casa circondariale, il

cosiddetto carcere che, considerati gli spazi e la metratura, potrà contenere almeno 100 detenuti.

Per quanto riguarda il patrimonio archeologico l’obiettivo è quello di continuare la collaborazione

già instaurata dalla attuale maggioranza con gli enti competenti, sfociata in una convenzione fra

comune, regione, diocesi e università degli studi di Venezia e che finora ha dato ottimi frutti in

particolare per quanto riguarda l’ottenimenti di finanziamenti.

Non vi sono in previsione alienazioni o cessioni di beni comunali ma anzi l’impegno è quello di

mantenere e conservare al meglio quelli che abbiamo.

Vanno completate e regolarizzate le situazioni ancora diffuse di esproprio di stralci e relitti stradali sorte nei precedenti decenni.

5.Sui servizi alla persona

Va rivista la funzione del Cinema C che negli ultimi anni ha maturato passivi.

L’asilo nido probabilmente avrà la possibilità di ospitare più bambini residenti a Concordia

in quanto sembrerebbe che Portogruaro, con il quale attualmente c’è una convenzione, voglia

costruirne uno all’interno del proprio comune.

Per quanto concerne le attività culturali vogliamo implementarle e valorizzare, in particolare,

l’intervento svolto dal circolo antiqui anche all’interno delle scuole.

Ci si pone l’obiettivo di interagire con la Pro loco e collaborare con la stessa affinchè si assuma a

pieno il proprio ruolo di promotore turistico del paese con la creazione, eventualmente, anche di un

apposito ufficio informazioni ad uso dei visitatori con progettazione e commercializzazione di veri

e propri pacchetti-vacanza.

6.Sui servizi sociali

La situazione che viviamo è di emergenza e sempre più famiglie chiedono sostegno

all’amministrazione tanto che andrà analizzata, anche con la diocesi, l’opportunità di istituire una

mensa sociale.

Stiamo valutando, così come altre amministrazioni del veneto orientale, di revocare le deleghe

conferite alle aziende sanitarie per la tutela dei minori considerato che spesso il servizio è carente e

maggiormente concentrato nel sandonatese.

La gestione da parte dell’amministrazione di tali minori comporterebbe un notevole risparmio di

risorse nonché una maggior possibilità di sostegno e aiuto per gli stessi.

La scelta di avere due figure di assistenti sociali è stata vincente e ci ha permesso di poter essere più

vicini alle persone in difficoltà, purtroppo, in aumento.

7.Sullo sviluppo del territorio e del turismo

In questo settore è possibile elaborare una progettazione all’interno della quale potrebbe trovare

impiego personale con diverse specializzazioni.

Ottime possibilità sorgono nel settore degli agriturismo, che nel nostro territorio deve ancora

svilupparsi, e questo è reso ancora più interessante dai finanziamenti contenuti nei piani europei

2014-2010.

Le piste ciclabili ultimamente sorte sono molto utilizzate e hanno un riscontro positivo fra gli utenti,

nei prossimi anni verrà completata la pista di via San Pietro la quale continuerà fino all’imbocco

con la statale.

In attuazione vi è il progetto del “Giralemene” che parte da Gruaro per arrivare a Caorle nonché

quello cosiddetto della “porta ovest” in collaborazione col consorzio di bonifica e che unirà

Mazzolada a Portogruaro e che potrebbe permettere ai turisti e visitatori di raggiungere il nostro

territorio.

8.Sulle funzioni associate-unificazioni-integrazioni-servizi territoriali

E’ in progetto la riorganizzazione degli enti territoriali e andranno rimodulate le province e le città

metropolitane in un’ottica di rafforzamento del ruolo, ora marginale, che svolge il veneto orientale.

Andranno implementate le convenzione fra i comuni ed eventualmente valutata l’opportunità di

creare delle fusioni.

L’attuale amministrazione si è già attivata in tal senso e ha conferito incarico a uno studio di

progettazione per valutare la fattibilità di tali progetti.

9.Sull’urbanistica

Passaggio fondamentale della attuale amministrazione è stato l’approvazione del PAT all’interno

del quale ci poniamo l’obiettivo di effettuare una variante al piano particolareggiato del centro

storico.

Altro strumento urbanistico fondamentale oltre al PAT è costituito dal Piano degli interventi in cui

vengono sviluppati anche gli aspetti relativi al piano energetico.

Sulla gestione del personale

L’impegno è quello di rendere maggiormente efficiente la macchina organizzativa premiando il

merito e implementando il lavoro di squadra.

10.Sull’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro

Circa il 40% dei giovani sotto i 25 anni è disoccupato. Per far fronte a questa emergenza ci si propone di redigere dei progetti in cui vengono coinvolti i giovani concordiesi.

Tali progetti saranno elaborati dai giovani stessi, in modo da evitare impiego di risorse a favore di costosi professionisti, e saranno incentrati sulla implementazione di scambi con l’estero.

In particolare si vuole promuovere l’instaurazione di una convenzione fra aziende del territorio e aziende straniere le quali si impegnino a dare lavoro per qualche mese a giovani con determinate specializzazioni e abbiano perseguito un determinato percorso di studi.

La finalità principale sarà quella di permettere ai ragazzi di sperimentare un modo diverso di lavoro, in un contesto nuovo, acquisire nuove competenze sia nello specifico settore lavorativo sia dal punto linguistico e riuscire, una volta rientrati in Italia, a sviluppare dei progetti in loco utilizzando le informazioni ed eventualmente i contatti costruiti nel corso del periodo formativo.

Altro progetto interessante sempre per coinvolgere i giovani è quello di implementare il settore del turismo e in particolare sul fronte dell’archeologia sviluppando dei progetti da sottoporre all’unione europea al fine di ottenere finanziamenti.

Tale progetti vedranno la creazione di veri e propri scavi archeologici sotto la supervisione e direzione di personale esperto con la collaborazione di studenti sia italiani che stranieri i quali potranno sviluppare competenze specifiche e utilizzare l’esperienza come materiale di studio e di redazione di resoconti e tesine utili a pubblicizzare il nostro territorio e il suo patrimonio storico culturale in modo da attirare maggiori visitatori i quali a loro volta creeranno un importante indotto.

Al fine di permettere ai bambini della scuola primaria di stringere rapporti e scambi culturali con coetanei di altre nazionalità nonchè facilitare l’apprendimento di una lingua straniera ci impegniamo a costruire dei ponti, dei gemellaggi con altre amministrazioni europee o extra-europee con le quali intrattenere relazioni on-line e permettere ai bambini tramite l’utilizzo economico e veloce della rete di scambiare informazioni e vivere una esperienza formativa divertente e che potenzialmente puo’ costruire la base nel futuro per una ulteriore collaborazione nel successivo percorso scolastico e lavorativo.

11.Modalità di acquisto alternative.

In questi periodi di diffuso disagio economico è necessario trovare degli strumenti per risparmiare.

Da anni soprattutto negli Stati Uniti ha preso piede la creazione di gruppi di acquisto solidale che permettono agli utenti di associarsi, unirsi di fronte al venditore, ad esempio di autoveicoli piuttosto che elettrodomestici, e spuntare un prezzo molto vantaggioso rispetto a quello ordinario.

In Italia i GAS tendono a riguardare beni alimentari e altre merci di profilo medio basso, mentre c’è ancora abbastanza difficoltà a concepire la creazione di un gruppo per l’acquisto di beni più costosi per i quali c’è ancora la sensazione che è preferibile che ognuno stipuli da sé il proprio accordo in modo da evitare problemi.

L’amministrazione puo’ fare molto per modificare questa mentalità facendosi promotrice e organizzando gruppi solidali di acquisto in modo che i cittadini si sentano più tutelati e trovino nell’ente un punto di riferimento al quale rivolgersi.

12.Sulla questione anziani

La popolazione concordiese sta invecchiando. Ci proponiamo di affrontare con un nuovo approccio tale realtà non considerando l’anziano come un peso ma come una risorsa.

Imitando esempi riusciti all’estero pensiamo di creare un luogo di aggregazione diurna e anche, per qualcuno, notturna degli anziani che diversamente dalle attuali case di riposo sia maggiormente integrato nel contesto sociale.

In particolare per gli anziani autosufficienti andranno create delle convezioni con associazioni ad esempio di volontariato per far sì che possa essere effettuato un servizio gratuito di baby-sitting che rappresenterebbe una salvezza per gli anziani i quali potranno sentirsi utili, per i bambini i quali sarebbero accuditi da persone non a pagamento e per le famiglie che potranno risparmiare l’importante costo di baby sitter private e /o strutture private/pubbliche.

In tale contesto gli anziani potrebbero essere anche coinvolti in progetti con le scuole primarie per quanto riguarda il patrimonio culinario. In particolare una idea interessante quanto economica sarebbe quella di associare un anziano a dei bambini i quali impareranno a cucinare una ricetta della tradizione. Tale esperienza potrebbe essere filmata e riportata in una raccolta di ricette che potrebbe essere diffusa e che avrebbe il doppio vantaggio di conservare la memoria di ricette antiche, magari scritte in dialetto con testo a fronte in italiano, con un approfondimento sulle materie prime tipiche dei nostri territori e di far conoscere il nostro paese ad di fuori dei confini regionali e, perché no, nazionali.

13.Sul patrimonio gastronomico

Il nostro paese vanta una ricca tradizione alimentare che in parte si sta modificando e disperdendo.

Sarebbe fondamentale, invece, raccogliere tale patrimonio e valorizzarlo attraverso la creazione di eventi e/o fiere gastronomiche che potrebbero essere di forte richiamo sia per i turisti sia per le aziende del settore ad esempio vinicolo che potrebbero partecipare.

Ad esempio per arricchire la sagra di Santo Stefano e conferirle un maggiore impatto dal punto di vista culturale si potrebbe creare uno stand con soli prodotti della tradizione, ove si potranno avere dei depliant informativi e si potranno acquistare dei libri sull’argomento e ci potrebbero essere dei supporti video in cui cuochi tradizionali raccontano e spiegano le modalità tradizionali di preparazione dei piatti.

Inoltre tale tipologia di evento potrebbe riguardare in altri momenti dell’anno un singolo alimento, come ad esempio l’aringa che già gode di una certa fama e che potrebbe essere ulteriormente arricchita, ad esempio, da una collaborazione con altri stati stranieri in cui l’aringa costituisce piatto tradizionale e creare un interessante scambio di ricette che potrebbe essere inevitabile veicolo di scambio culturale e di apporto di nuove conoscenze e intreccio di relazioni potenzialmente utilizzabili ad esempio per l’inserimento lavorativo o per motivi di studio dei giovani concordiesi.

14.Programmazione di eventi culturali.

Sarebbe importante che nel nostro paese si creasse un sistema di convegni e/o conferenze in modo da poter invitare personaggi di spicco del mondo dell’economia, del turismo, della cultura i quali potrebbero venire da noi a raccontare il loro modo di affrontare le sfide della nostra epoca, la loro ricetta per affrontare la crisi economica.

Questo darebbe la possibilità ai cittadini di conoscere personaggi brillanti che possono stimolare la creatività e la voglia di mettersi in gioco e far sì che siano da traino perché persone dai territori limitrofi raggiungano il nostro territorio e con l’occasione lo conoscano e possibilmente lo promuovano.

E’ fondamentale, soprattutto in questa epoca storica, non chiudersi nei propri problemi cercando la soluzione all’interno ma guardare anche altrove e scoprire che al di là dei nostri schemi noti vi possono essere altri modi, magari più efficienti, di affrontare le difficoltà.

PRIMARIE CONCORDIA 2013: IL PROGRAMMA DI SANDRO MACCATROZZO

Standard


Image

Sandro Maccatrozzo,

56 anni, abita in via Fratuzza.

Ha lavorato per 17 anni come dirigente sindacale della CGIL nella categoria commercio.

Ha lavorato per dodici anni nel mondo delle Agenzie per il Lavoro.

Attualmente lavora in una azienda per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

QUESTONE IDRAULICA:

  • risolvere il problema degli allagamenti , in primis del Paludetto, è priorità assoluta; il progetto ideato dal Consorzio va prontamente realizzato e verificato con la cittadinanza;
  • da subito va comunque garantita la pulizia periodica degli impianti esistenti per garantire

Il massimo deflusso;

  • in generale va contrastata l’ulteriore cementificazione del nostro territorio.

MANUTENZIONI:

  • garantire , anche con piccoli interventi quotidiani, la fruizione delle nostre strade, delle zone destinate a parco, dei siti archeologici;
  • coinvolgere al massimo, nel buon uso delle strutture, i cittadini e le loro associazioni.

RISPARMIO ENERGETICO / ENERGIE ALTERNATIVE

  • utilizzare al meglio le risorse rese disponibili dal “patto dei sindaci”;
  • sfruttare tutte le nuove opportunità offerte dal cosiddetto “ Conto Termico “ ,coinvolgendo anche privati investitori , per realizzare interventi a costo aggiuntivo zero per il Comune;
  • rafforzare l’azione di formazione e informazione dei cittadini, coinvolgendo i gruppi di acquisto, e delle imprese, affiancando le associazioni di categoria. La linea guida di questa azione dovrà essere la stessa del piano energetico regionale: + risparmio e + rinnovabili;
  • in prospettiva valorizzare le nostre risorse geotermiche e pensare alla “combustione 0”.

GESTIONE DEL PATRIMONIO / PERSONALE

  • verificare l’utilità delle nostre partecipazioni puntando alla semplificazione;
  • mantenere l’attuale gestione della farmacia che garantisce un contributo positivo alle casse del Comune e svolge una efficace azione nel territorio;
  • valutare l’ipotesi di valorizzare diversamente i terreni comunali;
  • coinvolgere tutti i dipendenti comunali in progetti che premino l’effettivo miglioramento e allargamento dei servizi resi.

SERVIZI ALLA PERSONA

  • rafforzare il coordinamento tra servizi culturali e scolastici anche unendo i due assessorati;
  • operare per superare il relativo isolamento scolastico delle nostre frazioni;
  • consolidare la buona attività svolta dalla nostra biblioteca ;
  • dare vita ad un centro di aggregazione che si rivolga ai giovani in fascia di età post scuola dell’obbligo ( 15 – 25 anni ).

IPOTESI DI SVILUPPO DEL TERRITORIO

  • stimolare la nascita di una nostra offerta turistica che alla valorizzazione dello straordinario patrimonio archeologico unisca turismo ambientale (ciclistico, del fiume, della valle, della bonifica, della gastronomia ) a una rete di servizi alberghieri ( tradizionale e non ), di ristorazione ( agriturismi / frasche/casoni ) e di supporto ( darsene / cavane/parcheggi dedicati/piste ciclabili);
  • orientare , anche sulla base delle scelte già operate dalla politica agricola comunitaria 2014-20, ( cd. GREENING ) i nostri agricoltori a produzioni non solo seminative, a maggiore valore aggiunto e contenuto occupazionale.

FUNZIONI ASSOCIATE

  • rafforzare il lavoro già avviato con i comuni di Portogruaro e Fossalta sulla centrale unica di acquisto che garantisca minori costi e qualità dei servizi;
  • impegno ad affrontare in questa logica ogni opzione rilevante sull’uso delle nostre risorse (ex caserma aeronautica, villa Soranzo,ospedale);
  • sottoporre a verifica dei cittadini ogni eventuale ipotesi di unificazione dei comuni;
  • nel caso di riorganizzazione dei comuni proporre anche la verifica dei confini territoriali ( Brussa ).

URBANISTICA E OPERE PUBBLICHE

  • blocco dell’utilizzo di nuovo suolo (opzione metro quadro zero ) fatte salve le zone di completamento .Attenzione alle proposte regionali per il recupero di suolo all’uso agricolo;
  • garantire in tutte le nuove costruzioni, ristrutturazioni, elevati livelli di ecosostenibilità;
  • elaborare un progetto che incentivi la bonifica del nostro territorio dall’eternit.

NUOVI DIRITTI

  • istituire il registro comunale delle volontà di fine vita , sulla base delle esperienze in essere nel veneziano, e questo sia come espressione di un diritto individuale a decidere per se stessi sia come occasione per riflettere , come comunità, sul valore stesso della vita e della sua conclusione.

INVESTIRE IN CULTURA: SCOPERCHIARE I SEPOLCRI!

  • il nostro futuro è seppellito assieme al nostro passato ; per questo occorre dare priorità e centralità ad un progetto di valorizzazione del passato romano di Concordia. Per reperire le risorse necessarie dovremo collaborare con molti ( U.E., Ministero, Regione, Università, privati) ma anche fare la nostra parte cedendo, se possibile, i nostri terreni; se non riuscissimo a farlo non solo perderemmo un’occasione unica ma , molto probabilmente, porteremmo in dote quel nostro patrimonio a Portogruaro; subiremmo un’imperdonabile e “storica” beffa.

IL PD SECONDO GLI OCCHI DI UN ISCRITTO

Standard

Riporto con piacere il pensiero di un nostro iscritto, letto durante l’ultimo congresso:

“Alcuni anni fa un Compagno ed un Amico si misero in viaggio, ognuno la propria storia sulle spalle, con l’ambizioso obiettivo di costruire una nuova città più a misura d’uomo, ove potesse vivere in serenità il popolo, e le “varie” famiglie.

Ben consci delle difficoltà che avrebbero incontrato, fiduciosi nello spirito che li guidava verso l’ambiziosa destinazione, è riuscito in qualche modo superarle tutte, aggregando strada facendo altri motivati Amici e Compagni.

Momenti difficili da superare, considerata la natura umana riferita alla vita politica, tuttavia il Popolo che si è costituito, pur sostituendo la guida ogni tratto percorso, si accinge in questo tempo a scalare l’ultima montagna immaginando oltre il passo, trovare la “Terra promessa”, ove edificare la propria grande città.

Domenica 8 dicembre 2013 è organizzata l’assemblea sovrana, dalla quale uscirà il nuovo Mosè.

Un abile e valoroso condottiero, un popolo che lo segua fedelmente sulla linea tracciata, è la necessaria condizione utile al raggiungimento dell’obiettivo: La costruzione della nuova città possibile residenza futura anche per altri popoli ora riluttanti che, uniti a noi, contribuiranno alla sua realizzazione nella prosperità.”

Ringraziamo GABRIELE LENA del Circolo di Fossalta di Portogruaro per questa testimonianza di passione politica sempre intatta, nonostante i mille patimenti.

Come dice qualcuno, la politica può essere ancora bellezza.

Dal Congresso di Circolo tanta voglia di Cambiare Verso !

Standard

Martedì 19 novembre si è tenuto presso la sede di via Candiani il Secondo Congresso del circolo PD di Concordia Sagittaria per la preselezione dei candidati alla segreteria del partito e per l’elezione dei delegati alla convenzione provinciale.

Hanno partecipato all’incontro come ospiti Anna Maria Pasian (Portogruaro) in qualità di garante, Mirko Bortolusso in rappresentanza di Cuperlo, Valerio Amilcare per Renzi e Sandro Maccatrozzo ha presentato invece il programma di Civati.

Nonostante il giorno prima il responsabile per l’organizzazione delle primarie on. Davide Zoggia avesse comunicato i risultati parziali, gli iscritti al circolo hanno risposto bene alla chiamata all’incontro.

Bisogna dire, tuttavia, che gli iscritti non hanno risparmiato critiche al metodo congressuale, alquanto bizantino, pesante, che ha richiesto un’eccessiva mobilitazione da parte degli iscritti, per nominare delegati ad assemblee di chissà quale vitale importanza. Dopotutto, l’elezione del segretario avverrà domenica 8 dicembre con le primarie, che ricordo sono aperte a tutti, i scritti e non.

Il dibattito è stato intenso e vivace, durante il quale molti iscritti hanno dichiarato la propria intenzione di voto a sostegno di Matteo Renzi. Principalmente, i militanti hanno espresso una forte voglia di cambiamento, sia per quanto riguarda l’attuale classe dirigente, sia per quanto riguarda la gestione del partito, che diciamocelo con franchezza, non ha risparmiato gli elettori del PD di molte e cocenti delusioni politiche.

Notevole è stato anche il sostegno a Pippo Civati, che a differenza del trend provinciale e nazionale, ha avuto molti più voti di Gianni Cuperlo.

I risultati sono i seguenti:

  • votanti 34: valide 33; nulle 1
  • Matteo renzi: 21
  • Pippo Civati: 9
  • Gianni Cuperlo: 3

    Concordia aveva diritto a 6 delegati provinciali, 4 dei quali sono stati assegnati a Renzi, 2 a Civati.

Federico Nardin
P.S.: In questi giorni si stanno compilando la lista di delegati all’assemblea nazionale, che eleggerà formalmente il segretario e avrà il compito di formare il direttivo e dal quale usciranno le linee guida del partito.
Due raccomandazioni: Uno: i congressi di circolo hanno espresso una forte dose di cambiamento per quanto riguarda la classe dirigente. I membri dell’assemblea rispecchino questa richiesta degli iscritti. Due: tutti i candidati hanno espresso la volontà di un rapporto più diretto tra i circoli e il livello nazionale. I delegati all’assemblea siano anche espressione di tutti i territori, non di tutte le correnti.